Italiano English

 

 

 

CALENDARIO EVENTI

 

 

News

ORARIO UFFICIO INFORMAZIONI

Doppia apertura a partire dal 17 aprile.

Newsletter Pro Loco Seravezza

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su tutti gli eventi e le iniziative!

Un punto di ascolto della Federdiritti presso la nostra Pro Loco

Punto di ascolto della Federidiritti ogni primo e terzo lunedì del mese a partire da giugno 2017.

Estate a Seravezza 2017

Tutti gli eventi e le manifestazioni! 

Concorso fotografico "Andrea Pierotti"

Iscrizioni aperte fino al 17 settembre!

 

ASSOCIAZIONE PRO LOCO SERAVEZZA
Via C.Del Greco, 11 - 55047 Seravezza (Lu)
Tel. 0584 757325 Fax 0584 758750
C.F. 82008310466 - P. IVA 01354480467

Comune di Seravezza Comune di Stazzema Unione Comuni dell'Alta Versilia Parco Apuane
Banca di Credito Cooperativo della Versilia, Lunigiana e Garfagnana Terre Medicee
Camera di Commercio di Lucca UNPLI UNPLI Toscana UNPLI Lucca

Seguici!

Pro Loco Seravezza su Facebook    

Pro Loco Seravezza

Prodotti tipici

La cucina dell’Alta Versilia

Gli ingredienti della tradizione…

La cucina tipica dell’Alta Versilia, ormai patrimonio di pochi nuclei familiari, è quella propria delle aree montane che vivevano essenzialmente di agro-silvo-pastorale. Cucina povera, dunque, basata su prodotti quali i cavoli, i fagioli, cereali come farro grano segale le castagne successivamente provenienti dalle americhe la farina di granturco, le patate, i pomodori, la carne di maiale, i funghi, le verdure e le erbe aromatiche. Importanti i prodotti della pastorizia. I piatti tipici sono, dunque, l’intruglia, una sorta di polenta arricchita con verdure, in particolare cavolo e fagioli; i matuffi, una polenta semi-liquida di farina di mais accompagnata da sugo di funghi o ragù di carne; il minestrone di verdura; i taglierini con fagioli, la pappa al pomodoro, la sbroscia ed, infine, i tordelli, ravioli ripieni conditi con ragù di carne, il piatto delle grandi occasioni. Poi fagioli all’uccellletto. Il maiale veniva impiegato in ogni sua parte ed era anche la base per salumi quali la mortadella (salume a pasta morbida abbondantemente speziato) ed il biroldo, prodotto con sangue e grasso. Si allevavano, inoltre, polli e conigli.

Dolci: torta di riso dolce, ciacci, polenta di ciaccio, manifregoli di ciaccio, belluccio, marzapane.

Intruglia

Intruglia

Tagliarini con fagioli

Tagliarini con fagioli

Tordelli

Tordelli

Ballotti

Ballotti

Ciacci

Ciacci

Mondine

Mondine

 

Agricoltura in Alta Versilia

L’attività agricola ha antichissime radici nell’area dell’Alta Versilia, sebbene si tratti essenzialmente di un tipo di agricoltura di sussistenza. A partire dalla fine dell’Ottocento, in concomitanza con lo sviluppo dell’escavazione marmifera, divenne attività sussidiaria al lavoro in cava che veniva interrotto durante il periodo invernale. L’attività agricola veniva praticata in poderi di proprietà di una singola famiglia e solo in casi rari le terre di montagna prevedevano la mezzadria. In genere ogni podere era composto da un bosco di piante cedue (anche per la produzione del carbone) e da un piccolo appezzamento destinato alla semina di grano, segale, ortaggi e patate. Questa agricoltura di "consumo" era affiancata dalla castanicoltura, ovvero la coltivazione di una selva di castagni.

Il castagno ha avuto un ruolo rilevante nell’economia dell’Alta Versilia, in quanto è una pianta capace di soddisfare numerosissime esigenze e può essere utilizzata totalmente. Infatti le foglie venivano impiegate come foraggio o lettiera per il bestiame, il legname per costruire la mobilia e le strutture per le case, il frutto poteva essere consumato fresco o trasformato in farina e, quindi, in diversi piatti.

La coltivazione del castagno comportò una cura costante delle selve mentre la produzione della farina comportò la costruzione di appositi essiccatoi detti "metati".

L’agricoltura praticata in pianura risale, invece, ad un’epoca più recente, successiva alla bonifica effettuata nell’Ottocento ed ha caratteristiche differenti.

 

Prodotti tipici

I prodotti tipici locali sono, dunque, quelli che derivano dalla lavorazione delle olive, delle castagne, dell’uva e, più in generale dall’agricoltura e dall’allevamento, quindi il vino, l’olio, i salumi, i prodotti da forno, il miele.