Italiano English

 

 

 

 

 

CALENDARIO EVENTI

 

ASSOCIAZIONE PRO LOCO SERAVEZZA
Via C.Del Greco, 11 - 55047 Seravezza (Lu)
Tel. 0584 757325 Fax 0584 758750
C.F. 82008310466 - P. IVA 01354480467
Privacy e Cookie
Preferenze Cookie

Comune di Seravezza Comune di Stazzema Unione Comuni dell'Alta Versilia Parco Apuane
Banca di Credito Cooperativo della Versilia, Lunigiana e Garfagnana Terre Medicee
Camera di Commercio di Lucca UNPLI UNPLI Toscana UNPLI Lucca

Seguici!

Pro Loco Seravezza su Facebook Pro Loco Seravezza su Instagram  

Pro Loco Seravezza

MEMORIE D'INFINITO

Quando: dal 24-07-2021 al 19-08-2021

PROMOTORI: Alkedo aps e PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea

PATROCINI: Comune di Seravezza e Museo Ugo Guidi INAUGURAZIONE: sabato 24 luglio ore 18

LUOGO: Cappella Marchi. Chiesa della Madonna del Carmine, via Lombardi 38, Seravezza (LU)

PERIODO: 24 luglio – 19 agosto 2021 APERTURA: da giovedì a domenica 18-21, festivi inclusi. TESTI: Maria Luisa Trevisan

 

Sabato 24 luglio alle ore 18 s’inaugura la mostra "Memorie d’Infinito. Opere di Tobia Ravà", a cura di Maria Luisa Trevisan, allestita presso il nuovo spazio Cappella Marchi gestito da associazione Alkedo presso la Chiesa della Madonna del Carmine di Seravezza(LU).

L’esposizione è aperta da giovedì a domenica con orario 18-21, festivi inclusi, ed è visitabile gratuitamente in base alla normativa anti Covid vigente.

L’esposizione rappresenta un percorso attraverso la poetica dell’artista, che nelle sue opere attua una mirabile sintesi tra cultura veneziana, ebraica e mitteleuropea, in un connubio tra natura e cultura, attraverso percorsi legati alle sequenze matematiche in relazione allo spazio e al tempo. In mostra è presente una selezione di lavori recenti riguardanti animali, in particolare architetture, boschi, piante, pesci, opere sorrette da una stessa logica matematica che permea il mondo naturale e la creazione artistica.

Sono presenti diverse tecniche: vele, rasi a sublimazione e le ultimissime produzioni scultoree in bronzo, pietra e marmo. In tal modo si possono stabilire interessanti rimandi tra le opere dell’artista veneziano (in particolare con le sculture), ed il luogo ricco di fascino, atmosfera e storia con la vicinanza della via Francigena, le preziose cave di marmo bianco, la vicina Villa Medicea di Seravezza(oggi patrimonio UNESCO), il mare e le Alpi Apuane, in quella che viene definita la Versilia Storica o Medicea, alla quale appartengono anche Pietrasanta, Forte dei Marmi e Stazzema. A ciò corrispondono, in una sorta di amorosi sensi, le atmosfere di Ravà riferite a Rodi, Gerusalemme, San Fruttuoso, ma anche all’ambiente naturale, paesaggistico, archelogico, storicoartistico, circostante. Si rimane colpiti dalle texture alfa-numeriche che ricoprono paesaggi, animali e architetture.

Ogni opera, grazie a questo reticolato di numeri e lettere ebraiche può essere letta in rapporto alla ghematrià (“gimatreya”) e alla kabbalah (“ricezione”), che l’artista studia meticolosamente prima della stesura sulla superficie dell’opera. In ogni lavoro l’artista sviluppa un percorso simbolico a rebus costruito su piani di lettura diversi attraverso la ghematrià, criterio di permutazione delle lettere in numeri in uso fin dall’antichità nell’alfabeto ebraico secondo cui ad ogni lettera corrisponde un numero, così ogni successione alfabetica può considerarsi una somma aritmetica. In questo modo ogni opera rappresenta un luogo o un oggetto reale ma anche un percorso simbolico con un significato etico, spirituale e numerologico.

L’artista con le sue opere cerca di recuperare i valori legati alla bellezza e al rispetto dell’ambiente, ma anche alla storia e a tutto ciò che l’uomo ha prodotto come risultato di conoscenze e saperi. Nel suo atelier elabora tutto ciò: crea le sue opere, elucubra teorie ed effettua sempre nuove scoperte. L’artista matematico è anche autore della “Congettura di Ravà” sulla sequenza di Fibonacci, in particolare la sottosequenza con la ripetizione dei 24 numeri, riscontrata con la riduzione teosofica dei numeri della sequenza. La congettura è divenuta teorema essendo stata provata e risultata vera. Ravà ha fatto anche un’altra recentissima scoperta che riguarda i numeri primi - come scrive Federico Giudiceandrea, che ha fatto la prova matematica anche di questa congettura, risultata vera - “corollario di un teorema già noto: il teorema sulla divisibilità di un numero per 9 o più genericamente per la cifra predecessore della base numerica in cui il numero è espresso”. 

 


 

Dove: CAPPELLA MARCHI - Chiesa della Madonna del Carmine, Via Gino Lombardi 38, Seravezza (LU)

Torna all'archivio degli eventi Pro Loco